Soli con se stessi…

Shiori Matsumoto (1973, Japanese) Word:

Restando soli con se stessi, in riva al mare o al chiuso di una stanza, spesso si scoprono di sé fragilità e debolezze inaspettate, ed allora ci si abbraccia, ci si coccola, ci si consola, perché solo noi possiamo sino in fondo provare ad intuire, se non del tutto comprendere, le varie sfaccettature della nostra anima, incluse le nostre debolezze, malinconie e sofferenze!  Sì, quando si resta soli… spesso ci si abbraccia a lungo, si  impara a far pace con gli altri e con se stessi, si apre l’anima alla speranza,  in attesa di un nuovo giorno da “affrontare”…. con il sorriso!

© Antonella P. Di Salvo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...