Unicef: La violenza può segnare per sempre i bambini…

L’Unicef  ha in questi giorni lanciato un nuovo filmato realizzato con David Beckham, Goodwill Ambassador dell’Unicef, per ricordare quanto gli abusi fisici e psicologici possano segnare le vite dei bambini per sempre. Nel filmato di 60 secondi, sul corpo di David Beckham si animano dei tatuaggi raffiguranti scene di violenza contro i bambini. Mentre i veri tatuaggi di Beckham rappresentano il ricordo di momenti felici o importanti, milioni di bambini portano invece sul loro corpo segni che non hanno affatto scelto di avere: cicatrici di violenze e abusi. Le animazioni nel filmato rappresentano tutte le più comuni forme di violenza, che ragazze e ragazzi subiscono in luoghi in cui dovrebbero invece essere al sicuro – le loro case, le scuole, internet e le loro comunità. “La violenza e gli abusi mettono a dura prova le vite e il futuro dei bambini, danneggiando i loro corpi, indebolendo il loro benessere psicologico e interferendo persino con il sano sviluppo del loro cervello”, ha dichiarato Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef.

Tramite U-Report, uno strumento di messaggistica che permette ai ragazzi di denunciare problematiche che colpiscono le loro vite, David Beckham ha invitato i giovani a rispondere a domande sulla violenza contro i bambini.  Sono stati in più di 190mila gli “U-Reporters”, che hanno risposto da 22 Paesi diversi. Di questi, due terzi hanno dichiarato di aver subito personalmente abusi fisici o verbali o di conoscere una persona che ha vissuto un’esperienza di questo tipo. Quando è stato chiesto ai ragazzi chi, secondo loro, compia violenze più spesso, un terzo dei partecipanti ha risposto “polizia o altre forze dell’ordine”, il 29% ha risposto “coetanei”, il 28% “genitori o chi si prende cura di un bambino”, il 9% “insegnanti”.  Circa 80mila U-Reporters hanno dato suggerimenti su cosa potrebbe essere fatto per combattere la violenza nelle loro comunità. Alcuni dati: circa 1 ragazza su 10 sotto i 20 anni, o 120 milioni di ragazze nel mondo, hanno subito violenze sessuali; ogni anno, nel mondo, circa un miliardo di bambini – complessivamente 6 su 10 – fra 2 e 14 anni subisce regolarmente punizioni corporali da parte di coloro che se ne prendono cura; un terzo degli studenti fra 13 e 15 anni nel mondo subisce regolarmente atti di bullismo”.

http://agensir.it/quotidiano/2016/12/5/minori-unicef-video-con-david-beckham-per-denunciare-violenza-su-bambini/

Fra le varie forme di “violenza” che i bambini sono costretti a subire vi sono anche la fame, la povertà e la guerra. Ad esempio i bambini iracheni di Mosul (tra gli 1,5 milioni di civili intrappolati a Mosul fino a 600.000 sono bambininon solo sono in costante pericolo di essere uccisi o feriti, ma quasi la metà di tutti i bambini sono tagliati fuori dall’accesso all’acqua potabile dopo che una condotta d’acqua principale è stata danneggiata. Gli stessi pericoli li corrono i bambini siriani di Aleppo (fra i 31.500 civili recentemente fuggiti da Aleppo est circa 19.000 sono bambini e adolescenti) che oltre a dover affrontare povertà, malnutrizione, carenza d’igiene e malattie legate alla povertà, nonché privati del diritto al gioco e allo studio, sono costretti a subire frequenti bombardamenti e feroci combattimenti.

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/mondo/mosul-bambini-ostaggio.html

http://www.unicef.it/doc/7215/aleppo-19000-bambini-in-fuga-dalla-citta-unicef-garantisce-acqua.htm

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/2569856-2569856/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...