Inaugurazione della nuova Stagione artistica del Conservatorio V. Bellini

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

Conservatorio di Palermo: 160 musicisti sul palco del Massimo per l’inaugurazione della nuova Stagione artistica.

Con un omaggio al neoclassicismo brahmsiano ieri ( domenica 4 Marzo ) si è aperta al Teatro Massimo, alle ore 18, la Stagione artistica 2018 del Conservatorio. Sul palcoscenico l’Orchestra sinfonica Bellini, diretta da Carmelo Caruso, e il Coro del Conservatorio, maestro del Coro Fabio Ciulla. I 160 musicisti, tutti docenti o allievi dell’Istituzione musicale, hanno eseguito musiche di Johannes Brahms. Il programma si è aperto con il Concerto in re minore op.15 per pianoforte e orchestra. Solista ospite il pianista Fabio Romano, ex allievo del Conservatorio, che ha studiato, fra gli altri, con Eliodoro Sollima”.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sul palco, persone che suonano strumenti musicali e folla

Conservatorio di Palermo: Successo ieri pomeriggio al Teatro Massimo per il concerto di inaugurazione della nuova Stagione artistica.

Teatro gremito e lunghi calorosi applausi ieri pomeriggio per l’Orchestra sinfonica Bellini, diretta da Carmelo Caruso, e per il Coro del Conservatorio guidato da Fabio Ciulla. Inaugurazione alla grande, dunque, per l’Istituto palermitano, che ha schierato sul palcoscenico del Massimo un organico di 160 musicisti, fra docenti e allievi. Successo personale anche per il solista Fabio Romano, che ha eseguito il Concerto in re minore op.15 per pianoforte e orchestra di Brahms. Romano ex allievo del Conservatorio, dove ha studiato, fra gli altri, con Eliodoro Sollima, insegna pianoforte alla “Hochschule für Musik und Theater” di Monaco e vanta una carriera di prestigio con esibizioni da solista nei principali teatri a fianco di orchestre di rilievo internazionale. Il programma, un omaggio al neoclassicismo brahmsiano, è continuato con Schicksalslied (Canto del destino), scritto sui versi struggenti di Hyperions Schicksalslied di Hölderlin, e si è chiuso con Akademische Festouvertüre (Ouverture per una festa accademica), ringraziamento musicale del grande compositore all’Università di Breslavia per il conferimento della laurea honoris causa. Il Concerto inaugurale è stato uno dei primi significativi appuntamenti in cartellone di “Palermo capitale italiana della cultura”.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 10 persone, persone che sorridono, persone sul palco

Avevo assistito alle prove e constatato la fatica del dietro le quinte per raggiungere un’unitaria espressione musicale. Stasera, l’orchestra sinfonica del Conservatorio, magistralmente diretta dal Maestro Caruso, con la magnifica esecuzione pianistica del
M° Fabio Romano e del Coro diretto dal M° Ciulla, ha offerto uno spettacolo straordinario della qualità e del livello artistico del Conservatorio, dei suoi allievi, dei suoi docenti. Non poteva essere che sfavillante questo inizio della stagione artistica”.
Un plauso a tutti.
Il presidente  (Gandolfo Librizzi )

L'immagine può contenere: una o più persone e folla

 

L'immagine può contenere: 3 persone

* Nella foto sottostante,

fra le violiste facenti parte dell’orchestra,

è presente anche mia figlia Licata Marilena

( Si distingue per la fascia nera sui capelli)

L'immagine può contenere: 6 persone, persone che sorridono, persone sul palco

Mia figlia oltre a frequentare il corso di viola

frequenta inoltre con entusiasmo

anche il corso di composizione

con il rinomato maestro Marco Betta.

Marco Betta è un compositore italiano, autore di opere, musica sinfonica e da camera, e di lavori per il teatro e per il cinema. Betta ha studiato composizione al Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo sotto la guida di Eliodoro Sollima. In seguito si è perfezionato con Armando Gentilucci e Salvatore Sciarrino.

Il suo linguaggio musicale mette insieme le antiche culture musicali siciliane con le principali tecniche della musica d’avanguardia, con un particolare occhio verso il minimalismo ed il neotonalismo. Dal 1994 al 2002 è stato direttore artistico del Teatro Massimo. Ha ricevuto riconoscimenti internazionali ed è considerato dalla critica uno dei più importanti Compositori del nostro tempo.

 

http://www.malgradotuttoweb.it/la-musica-meravigliosamente-pericolosa-perche-un-respiro-liberta/

 

Foto

 

La viola è uno strumento musicale cordofono della famiglia del violino, nella quale occupa il posto del contraltotenore[N 1][1][S 1], con una tessitura intermedia tra il violino ed il violoncello. Il termine è stato usato, non sempre in maniera precisa, per riferirsi a vari strumenti: la viola nel senso moderno del termine nasce assieme alla famiglia del violino, giungendo a maturazione non più tardi del 1535[2].

Lo strumento è simile al violino, ma più grande di circa il 15-20% e, a differenza di quest’ultimo, non ha una taglia standard. Ha quattro corde accordate per quinte, una quinta sotto il violino, rispetto al quale ha anche un timbro più profondo e meno brillante; risulta quindi un’ottava sopra il violoncello. La tecnica della mano sinistra e dell’arco sono simili a quelle per il violino e la chiave musicale di lettura utilizzata più frequentemente è quella di contralto. Il musicista che suona la viola è detto violista.

La viola è impiegata principalmente nella musica classica, sia come strumento solistico (anche se è meno comune in questo ruolo rispetto ad altri strumenti della sua famiglia, come il violino o il violoncello), sia in orchestra, nel quartetto d’archi e in svariate formazioni cameristiche. Lo strumento ha un ruolo significativo nella musica tradizionale di alcuni paesi europei, in particolare nella cultura ungherese e rumena, mentre si tratta di uno strumento non comune nella musica leggera, nel rock o nel jazz.

 

http://www.facebook.com/conservatoriovincenzobellini.palermo/

L'immagine può contenere: una o più persone

La locandina della Stagione artistica 2018

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...