Archivi

~♥~ VORTICE DI EMOZIONI ~♥~

“Ogni giorno della vita è unico, ma abbiamo bisogno che accada qualcosa che ci tocchi per ricordarcelo. Non importa se otteniamo dei risultati o meno, se facciamo bella figura o no, in fin dei conti l’essenziale, per la maggior parte di noi, è qualcosa che non si vede, ma si percepisce nel cuore”.

(Aruki Murakami)

 

Couple with birds


Negli occhi

colori, profumi

intense emozioni

visive

ed olfattive.

Tra i desideri

più accesi

sogni, speranze

vitali passioni.

Afferrino esse 

l’anima

nel loro vortice

impetuoso

che lentamente

si plachi

tra gli occhi socchiusi 

nella dolcezza

di una nuvola leggera

o di una parola

sussurrata

donata

ricevuta

che ti sfiori il cuore

come una carezza.

© Antonella  P. Di Salvo

 

 

~♥~ Liebestraum ( “Sogno d’Amore”) di Franz Liszt ~♥~

Breathe me ~ self portrait in the evening.Photo by Sarah Loven from http://www.vogue.it/en/photovogue/Portfolio/6ff78e4f-fd46-4a89-9cde-86518f17d1c3/Image and http://sarahlovenphotography.com/

Annunci

* Sempre più lontano *

visions_neu_35x35

✿ܓ

Pura essenza d’amore
etereo angelo
delle mie solitarie notti
cerco il tuo sorriso
– irraggiungibile chimera –
nel tiepido e dolce
sussurro del vento
tra le foglie
che risveglia
le palpitanti emozioni
della mia anima
e la sua
malinconica verità.
Sei musica
delicata e preziosa
essenza profonda
fragranza intensa
di gelsomino
e carezza di rosa gentile.
Sei passione struggente
di un respiro
sempre più lontano
ma che ancora
si insinua
tra sogno e realtà.

© Antonella P. Di Salvo
( Tutti i diritti riservati )

 

Foto

 

 

L’amore è l’ala che Dio ha dato all’anima per salire sino a lui.

Michelangelo Buonarroti

* Mie piccole emozioni poetiche*

 

*Sino al nucleo del cuore*

Distesa sul verde campo della speranza

aspetto, con occhi puri

il sorgere di un nuovo sole

che possa arrivare con il suo calore

sino al nucleo del mio cuore.

© Antonella P. Di Salvo

 

 

Non si può eternamente sfuggire a se stessi, ai propri ricordi e alle proprie paure, non si può eternamente restare chiusi in una corazza protettiva che anche se ci isola, in parte, dal dolore, nel contempo ci isola dalle emozioni più belle e vitali… e quale emozione più bella dell’amore?! L’amore ha il grande potere di riportare alla vita, alla vera vita, insieme alle proprie emozioni!

Antonella

 

 

*Come una piccola preghiera*

Una sfolgorante stella d’argento
si cela, irrequieta e silenziosa
dietro la bianca luna.
Avida più che mai di felicità
corteggia la notte
che tace, insieme al suo lieve dolore.
Il vento ancora geme
dietro giorni e notti
che strizzano il cuore
ed io sospirando vuoti
mi arrendo ad un volo spesso solitario
che è come una piccola preghiera.
© Antonella P. Di Salvo

( Tutti i diritti riservati )

 

~Blue Angel~

 

 

 

 

 

La languida “magia” di Palermo…

“Palermo … un fiore, così la chiamavano i Fenici, estesa lungo l’omonimo golfo che si adagia sulla pianura della Conca D’oro, tra il giallo e l’arancio tipico dei suoi agrumi dal sapore dolce e intenso, circondata da una cinta muraria naturale.

La sua storia millenaria le ha regalato un notevole patrimonio artistico e architettonico è stata tra le maggiori città del Mediterraneo ed è fra le principali mete turistiche.

E’ una città che parla di storia sia all’interno del suo “cuore-centro storico” che ai suoi confini periferici, attraverso ville storiche, torri d’avvistamento, tonnare, graffiti rupestri, chiese e palazzi nobiliari.

E’ una città policentrica, poiché al suo interno ingloba storiche borgate e frazioni antiche e poco distinguibili tra loro, uniti da una rete viaria capillare che mette in collegamento il centro storico con una ventina di altri insediamenti dislocati nel territorio, come le borgate marinare di Mondello, Sferracavallo, Addaura e quelle borgate di campagna, dedicate all’agricoltura degli agrumi, come Ciaculli (dove si coltiva il mandarino tardivo), Croceverde-Giardina, Belmonte Chiavelli e Santa Maria di Gesù, ben distaccate dal centro urbano e delimitate dalle montagne.

Palermo conserva ancora gran parte del suo aspetto mediterraneo nei vari mercati storici disseminati nella città: i più caratteristici sono la Vucciria, da Bucceria che deriva dal francese boucherie, “macelleria”, perché era un mercato inizialmente destinato al macello ed alla vendita delle carni e solo successivamente divenne un mercato per la vendita del pesce, della frutta e della verdura; Ballarò, il più antico e il più pittoresco dei mercati di “grascia”, cioè d’alimentari; infine il Capo, che conserva elementi popolari del tipico mercato mediterraneo”.

http://www.mondodelgusto.it/territori/1645/la-millenaria-capitale-della-conca-d-oro

 

Questo è l’ultimo giorno del nostro viaggio.

Siamo andati sul monte Pellegrino

durante una splendida mattinata

e ci siamo sentiti tristi al pensiero

di lasciare così grandiosa

e impareggiabile bellezza.

Se soltanto uno potesse impadronirsene

e serbarla entro di sé, sarebbe un dio.

(Bernard Berenson)

 

 

 Giardino Inglese 9

Nel giardino pubblico vicino al porto,

trascorsi tutto da solo alcune ore magnifiche.

È il posto più stupendo del mondo […]

Monte Pellegrino è Il promontorio più bello del mondo.

(Johann Wolfgang von Goethe)

barche alla nuova cala palermo

 

 

Non saprei descrivere con parole la luminosità vaporosa che fluttuava intorno alle coste quando arrivammo a Palermo in un pomeriggio stupendo. La purezza dei con­torni, la soavità dell’insieme, il degradare dei toni, l’armonia del cielo, del mare, della terra… chi li ha visti una volta non li dimentica per tutta la vita.

(Johann Wolfgang von Goethe)

 

Chi ha visto una volta il cielo di Palermo

non potrà mai più dimenticarlo.

(Johann Wolfgang von Goethe)

 

 

Palermo mi sembrò una città al contempo splendida e decadente, il cui aspetto un po’ in rovina mi affascinò moltissimo. Ebbi l’impressione di una città molto diversa dalle altre città italiane, con una sua identità molto particolare e una bellezza tutta sua.
(Daniel Pennac)

 

 

Ho conosciuto la piena bellezza,
lo splendore nobile e pacifico
della luce, pura e immensa,
a Palermo, a Villa Tasca.
(Anna de Noiailles – “Les vivants et les morts”, 1913)

 

E su quel palmo di terra, tra moreschi archi ogivali dei portici, è cresciuto ed è fiorito tutto quello che con folle generosità il cielo ha versato nel grembo della Conca d’Oro del golfo di Palermo. Alcuni aranci e limoni si incurvano sotto il peso dei frutti maturi e ciò nonostante fioriscono: palme di datteri, roseti carichi, cespugli, con fiori a mo’ di tromba della capacità di un litro buono, una vegetazione a me sconosciuta, ingarbugliata di fiori e di profumi. Su un cielo terribilmente azzurro si stagliano cinque rosse cupole saracene, simili a strani globi. Dio mio, forse è l’angolo più bello.
(Karel Čapek)

 

Come Palermo ci abbia accolti, non ho parole bastanti a dirlo: con fresche verzure di gelsi, oleandri sempre verdi, spalliere di limoni ecc. In un giardino pubblico c’erano grandi aiuole di ranuncoli e di anemoni. L’aria era mite, tiepida, profumata, il vento molle. Dietro un promontorio si vedeva sorgere la luna che si specchiava nel mare; dolcissima sensazione, dopo essere stati sballottati per quattro giorni e quattro notti dalle onde!
(Johann Wolfgang von Goethe)

 

Palermo è sontuosa e oscena. Palermo è come Nuova Delhi, con le reggie favolose dei maharajà e i corpi agonizzanti dei paria ai margini dei viali. Palermo è come Il Cairo, con la selva dei grattacieli e giardini in mezzo ai quali si insinuano putridi geroglifici di baracche. Palermo è come tutte le capitali di quei popoli che non riuscirono mai ad essere nazioni. A Palermo la corruzione è fisica, tangibile ed estetica: una bellissima donna, sfatta, gonfia di umori guasti, le unghie nere, e però egualmente, arcanamente bella. Palermo è la storia della Sicilia, tutte le viltà e tutti gli eroismi, le disperazioni, i furori, le sconfitte, le ribellioni. Palermo è la Spagna, i Mori, gli Svevi, gli Arabi, i Normanni, gli Angioini, non c’è altro luogo che sia Sicilia come Palermo, eppure Palermo non è amata dai siciliani. Gli occidentali dell’isola si assoggettano perché non possono altrimenti, si riconoscono sudditi ma non vorrebbero mai esserne cittadini. Gli orientali invece dicono addirittura di essere di un’altra razza: quelli sicani e noi invece siculi.(Giuseppe Fava)

Risultati immagini per museo abatellis palermo

 

Interno di un palazzo palermitano

 

 

San Giovanni degli Eremiti, Palermo

Ed è Palermo, la fastosa e miserabile Palermo, con i suoi palazzi nobiliari che imitano le regge dei Borboni tra i «cortili» di tracoma e tisi, con le ville-alberghi in stile moresco-liberty di imprenditori come i Florio che s’alzavano sopra i tetti dei tuguri; la Palermo delle strade brulicanti d’umanità come quelle di Nuova Delhi o del Cairo e dei sotterranei dei conventi affollati di morti imbalsamati, bloccati in gesti e ghigni come al passaggio di quello scheletro a cavallo e armato di falce che si vede nell’affresco chiamato Trionfo della morte del museo Abatellis.
(Vincenzo Consolo)

Risultati immagini per museo abatellis palermo

Immagine correlata

 

Risultati immagini per primavera in sicilia

Qui c’è soltanto primavera ed estate.
(Richard Wagner)

 

Palermo, Museo del Mediterraneo: se volete sapere quel ch’è passato su questi flutti azzurri venite a Palermo. E’ una città deliziosa, una città dolce, una città profumata. Le sue piazze, le sue vie, i suoi giardini, i suoi monumenti sono magnifici. Ecco la Sicilia: capolavoro della natura, centro d’un mondo, terra illustre, si commovente e si nobile nel suo misterioso destino.
(Gabriel Hanotaux)

 

Il disegno dei monti e degli scogli che circondano il porto, tendenti all’ocra ed al violetto, sulle acque d’un azzurro carico, quale lo si contempla dal Pellegrino, è meno dolce, meno tenero, ma più puro dei monti circondanti Napoli. Come in Grecia, in Sicilia la natura è rimasta ferma a modelli eterni, e hanno mutato invece gli uomini. Il contrasto fa la natura anche più alta e più lontana; l’animo di chi guarda è costretto a una specie di altalena perpetua.
(Guido Piovene)

 

Tramonto Isola delle Femmine

 

 

Bella ed immensa città, il massimo e splendido soggiorno, Palermo ha edifici di tanta bellezza che i viaggiatori si mettono in cammino attratti dalla fama delle meraviglie che offre qui l’architettura, lo squisito lavoro, l’ornamento di tanti peregrini trovati dall’arte.
(Idrisi)

 

Villa Boscogrande

Io dico sempre che Palermo è come una donna bella che non sa abbigliarsi, non è mai in ghingheri, prova ne è che non sa mostrare il suo mare, ma alla fine è sempre una sorpresa. È una città che fa venire voglia di scoprirla. È come i grandi amori: ti manca quando sei lontana e ti soffoca quando ci vivi.

(Isabella Ragonese)

 

Palermo, dove ci siamo fermati otto giorni, era splendida. La città posta nella miglior situazione del mondo, trascorre la sua vita nella Conca d’oro, la splendida valle che si stende tra due mari. I limoneti e gli aranceti erano così assolutamente perfetti che io sono ridiventato un preraffaellita
(Oscar Wilde)

 

Palermo è la città col panorama più bello del mondo. (…) Stupenda è la vallata situata fra due mari, i boschetti di limoni e i giardini d’aranci così perfetti. Molti ragazzotti hanno volti che sanno di grecità, altri proprio da arabi, sembrano tante sculture che girano a cielo aperto
(Oscar Wilde)

 

Risultati immagini per museo abatellis palermo

La pianura intorno a Palermo è conosciuta come la Conca d’oro, per via delle colorazioni tipiche degli agrumi che un tempo dominavano il paesaggio.

Nel 977 d.C. Ibn Hawqal, viaggiatore musulmano, descrive in questo modo la campagna intorno al capoluogo siciliano.

“Palermo è circondata da numerosi corsi d’acqua che scendono da ovest ad est; la loro corrente è capace di far girare dei mulini che sono infatti attivi in diverse località. Lungo i corsi d’acqua, dalla sorgente fino alla foce, si stendono terreni paludosi coperti da cespugli, dove cresce la canna di Persia, ed esistono giardini da frutta e campi di zucche. In questi terreni si raccoglie soprattutto il papiro, con il quale si fabbricano i rotoli dove scrivere”.

 

Profumatissimi limoni

I mandarini siciliani

 

 

 

La bellezza di Palermo non è solo un fatto estetico. È capacità di riflessione filosofica. Non a caso la filosofia è nata in Sicilia. E si sente, ancora oggi. Ieri mattina, parlando con i ragazzi di un liceo, sono rimasta colpita dai loro ragionamenti.
(Dacia Maraini)

 

A Palermo la rossa, a Palermo la bambina. Rossa, Palermo, come immaginiamo fosse Tiro o Sidone, fosse Cartagine, com’era porpora dei Fenici; di terra rossa e grassa, con polle d’acqua, da cui alto e snello, pieghevole ai venti, s’erge il palmeto fresco d’ombra, eco e nostalgia di oasi, verde: moschea, tappeto di ristoro e di preghiera, immagine dell’eterno giardino del Corano. Bambina perché dormiente e ferma, compiaciuta della sua bellezza, perché da sempre dominata da stranieri, e dominata soprattutto dalla madre, la fatale madre mediterranea che blocca i figli in un’eterna adolescenza. S’adagia, rigogliosa e molle, su una felice conca.
(Vincenzo Consolo)

 

Scorcio del Palazzo dei Normanni

A Palermo, più che altrove in Sicilia, le epoche storiche rivelate dai differenti stili architettonici si sovrappongono. Il centro testimonia di un tempo più vicino, quando la città con i suoi teatri, i suoi palazzi, le sue piazze barocche e suoi trionfali accessi al mare, contendeva a Napoli il primato urbano del Regno della due Sicilie. Ricordi di un tempo ben più remoto cela invece il Monte Pellegrino: a poca distanza dai grattacieli, in caverne abitate dall’uomo preistorico, sono venuti alla luce graffiti rupestri di arcaica bellezza.
(Leonardo Sciascia)

 

Fiore di frangipane

Un profumo di frangipane e mandarini

La Conca d’oro, un paradiso da ritrovare

Palermo, La Conca d’oro

Gli alberi di mandarino pare si siano salvati. Qualcuno li trapiantò nella Real Tenuta della Favorita prima che arrivassero le ruspe e, forse, danno ancora frutti. Mandarini di Sicilia così profumati da far dimenticare lo scempio. Squisiti come la cassata, i cannoli, le arancine, la martorana, la torta Savoia, le panelle, il gelo di mellone al gelsomino e il pane di rimacinato cosparso di sesamo, sfornato almeno tre volte al giorno. Prelibatezze che leniscono lo sconforto.

Le ruspe distrussero il resto: gli alberi, il garage, il frantoio, la vasca dell’irrigazione. A Resuttana ai Colli, nel mezzo della Conca d’oro, vanto di Palermo dai tempi dei Fenici, la villa di Giuseppe Barbera fu accerchiata dal cemento, lui non si accorse di nulla perché era un bambino e suo padre, costernato, in quell’inverno del 1965 trovò scuse per non portare la famiglia nell’adorata dimora di campagna, a tre chilometri in linea d’aria dal centro, dagli angeli di stucco del Serpotta, dalle volute barocche, dalle cupole arabe. “Il sacco di Palermo”, da un titolo di un’inchiesta del 1961 del giornale l’Ora, cominciò negli anni Cinquanta. La Conca d’oro, che i palermitani avevano creato e curato fin dall’antichità più remota, sostenuti da un clima perfetto, ma domando un terreno non altrettanto generoso, fu abbattuta in vent’anni da una colata scomposta di cemento, valanga di delinquenza, malafede, avidità e vigliaccheria, che trascinò via secoli di civiltà e bellezza.

“Come è potuto accadere?” si chiede oggi Giuseppe Barbera, professore di Colture Arboree all’Università di Palermo, quel giovanetto che registrò la scomparsa del paesaggio della sua infanzia perché da picciriddi certe cose non si afferrano: troppo assurde, e contrarie alla speranza di chi ha l’animo nuovo. “La domanda si ripete di fronte alle tragedie, piccole o immani, che si svolgono al cospetto di sguardi distratti, silenzi complici, intelligenze assopite – continua Barbera – . Cosa ha nascosto a chi aveva occhi per vedere, orecchie per ascoltare, menti per ragionare, trecento milioni di metri cubi di cemento, centinaia di chilometri di asfalto che, tra il 1955 e il 1975, ogni anno hanno soffocato un milione di metri quadri di suolo e preso il posto di oltre un milione di alberi? Perché non è stato possibile impedire che il paesaggio della Conca d’oro giungesse all’agonia, con il suo millenario carico di fatiche, sogni, sentimenti da allora cancellati, negati alle speranze di futuro?”.

Mentre il disastro avveniva e a disastro compiuto i sussidiari delle elementari continuavano a insegnare agli scolari che il capoluogo della Sicilia, la Palermo felicissima dei Gattopardi, sorge fra gli agrumi, le palme, le palmette, i frangipane e le plumelie della Conca d’oro. Alcuni hanno la sfacciataggine di scriverlo ancora affinché i ragazzini si formino nell’illusione. Viale Strasburgo fu chiamata, con crudeltà beffarda, la strada costruita sulle rovine dei Colli, un omaggio funebre alla nascente Europa unita. Il tracciato della circonvallazione, con la non estraneità del Vaticano che controllava la Società Immobiliare Generale di Lavoro e di Utilità Pubblica e Agricola, fu spostato di un chilometro sconvolgendo il giardino romantico e colto di Villa Tasca dove Richard Wagner completò la partitura del Parsifal. Oltre un secolo prima della devastazione Goethe fu sorpreso dal lieto spettacolo di Palermo, dove arrivò via mare e nel Viaggio in Italia (1817) parla del “verde tenero degli alberi, le cui cime, illuminate da dietro, ondeggiavano davanti alle case nell’ombra, come grandi sciami di lucciole vegetali […] della fertilità lussureggiante […] dal più bel tempo di primavera”. Nell’opera L’inchiesta in Siciliadi Franchetti e Sonnino. La Sicilia nel 1876, gli autori scrivono che Palermo era la città più bella d’Europa, con la naturalezza di chi afferma un fatto risaputo.

La ricchezza biologica dell’ambiente palermitano ha per simbolo la fauna e la flora del Monte Pellegrino: 765 specie vegetali, 50% dei mammiferi presenti in Sicilia, 60% dei rettili e anfibi. Nel 1958 George Evelyn Hutchinson, presidente dell’American Society of Naturalist, propose agli scienziati di tutto il mondo di nominare Santa Rosalia, la Santuzza, patrona degli studi di biologia evolutiva. Nelle parole di Giuseppe Barbera affiora il pianto eterno per i massacri ambientali e culturali compiuti mezzo secolo fa e che hanno sconvolto gli equilibri della Conca d’oro, ma una fievole gioia traspare: “I caratteri del luogo si svelano ancora chiari a chi ha occhi, mente e cuore per comprenderli: sono ancora quelli originari e a essi si legano non solo il passato o il gramo presente ma anche il futuro”.

Ed è vero: Palermo è ormai infelicissima, ma rimane un posto dal fascino potente dove ci si domanda, annichiliti: “Come è potuto accadere?” e, insieme, si è rapiti dalla continua meraviglia di ciò che è integro, di ciò che sopravvive, di ciò che s’intravede, di ciò che è sparito eppure permea l’atmosfera. “Nonostante si continui a consumare il suolo a ritmi insopportabili (40 ettari ogni anno) e la pianura, privata degli essenziali servizi ambientali, sia in agonia, si può ancora sperare di vivere in paradiso – in paesaggi dove la cultura mantiene salda l’alleanza con la natura, dove la vita dell’uomo, degli esseri che lo accompagnano, delle pietre e della terra non separino l’utilità dalla bellezza e la congiungano all’etica”.

Così Barbera scrive nell’ultima pagina di Conca d’oro (Sellerio editore, Palermo). Ed è vero.

 

 

http://sellerio.it/it/catalogo/Conca-Oro/Barbera/5312

 

Risultati immagini per conca d'oro palermo

 

 

http://www.touringclub.it/sites/default/files/attachments/dossier_palermo_2018.pdf

http://www.touringmagazine.it/articolo/1480/il-viaggiatore-palermo-cosmopolita-e-sensuale

http://www.touringmagazine.it/articolo/3594/palcoscenico-palermitano

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Palermo

Dietro ti cerco..

 

Sì, dietro alla gente ti cerco.
Non nel tuo nome, se lo dicono,
non nella tua immagine, se la dipingono.
Dietro, dietro, oltre. 
Dietro a te ti cerco.
Non nel tuo specchio, non nelle tue parole,
né nella tua anima.
Dietro, oltre. 
Dietro ancora, 
più indietro di me ti cerco.
Non sei quello che io sento di te,
non sei ciò che palpita con sangue mio nelle vene,
senza che sia io.
Dietro, oltre ti cerco. 
Per averti incontrato, 
smettere di vivere in te, e in me,
e negli altri.
Vivere ormai dietro a ogni cosa,
dall’altra parte di ogni cosa
-per averti incontrato-

Pedro Salinas

 

 

 

Anima, mia cara Anima…

L’anima si nutre d’estasi

come la cicala di rugiada.

(Anatole France)

 

*

Anima
mia cara anima
troppe volte malinconica
e silenziosa
posa fiduciosa
il tuo dolente capo
sul cuore
di chi asciugherà
le tue lacrime e nostalgie
con tenere carezze
e con bagliori di calda luce.
Anima sensibile
e palpitante
di sofferte emozioni
scaglia
ben lontano il dolore
quello più antico
e quello più recente
accendendoti di fiducia
e di passione per la vita
affrontando le tempeste
e scivolando
sulle acque più placide
dei tuoi sogni
remando in esse
desideri e speranze
sotto i magici riflessi
della candida luna.
Anima
ora selvaggia
or’altra pura
concediti il fascino
di un intenso
canto d’amore
riempi il tuo giardino
di colorati
e profumati fiori
e stendi la tua mano
alle più preziose
carezze
regalando alle stelle
delle tue emozioni
un diadema sfavillante
di amorevoli gesti.
Vinci l’aridità
della solitudine
col fluire impetuoso
del tuo amore
ed illumina il sentiero
della tua vita
soffiando in esso
il fascino intatto
dei tuoi sogni.
Non congedarti da essi
ma continua ad infuocarne
i tuoi giorni
profumando la tua essenza
con i petali
delle più soavi rose
risalendo il fiume
dei tuoi tormenti
coi capelli al vento
e con gli occhi
dolcemente sereni
fissi sul futuro
di una gioia
senza fine.

©Antonella P. Di Salvo

( Tutti i diritti riservati )

*

Vika Levina portrait black and white photo:

 

http://www.athenamillennium.it/lady59-antonella/10968/mia-cara-anima.html

* Amore & Musica…

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

* LA MUSICA DELL’ANIMA *

Talvolta al tramonto
taciti spettatori la luna
ed il suo grande corteo di stelle
un vortice di musica
ora intensa, or’altra delicata
mi risuona, insistente melodia
nelle orecchie.
E’ la musica dell’anima
che avvinghia le mie emozioni
senza alcun riguardo
interrompendo il pacato silenzio
dell’aria notturna
e scuotendo, col dito sulle labbra
i miei sensi ed i miei tanti ricordi.
Nel concerto dell’anima
canta il cuore pensieri d’amore
urla la mente delusioni e rimpianti
anela il corpo carezze senza più ritorno.
Alla musica dell’anima
languida sirena, la cui bocca profuma
di mare e di illusioni
dolcemente mi arrendo
e mi sorride l’infinito
verso il quale corro a perdifiato
cantando.
© Antonella P. Di Salvo

 

Violin Girl by Imantas Boiko on 500px:

L’Amore non fa rumore:
vibra ad un canto impercettibile
per le orecchie,
suona la musica dell’anima.

L’Amore si nutre:
con sguardi,
con silenzi,
con piccole carezze.

L’Amore si ripara:
dall’invidia,
dalla ferocia,
dall’indifferenza.

L’Amore non ha fretta:
vive nell’umido tepore
dell’attesa,
della presenza.

(Vincent Navire)

 

Le carezze sono appropriazione del corpo dell’altro. Quindi, non è un semplice sfiorare: ma un foggiare. Carezzare con gli occhi o desiderare è la stessa cosa; il desiderio si esprime con la carezza come il pensiero col linguaggio.  J. P. Sartre, L’essere e il nulla:

Noi non cediamo all’amore:
è l’amore che sale in noi
come certa musica,
una sinfonia o una ballata
ed è color seppia
come il tè versato che risale lento
attraverso i mille tunnel perfetti
di una zolletta di zucchero
posata accanto alla tazza.
Sì, l’amore è così:
proprio quando meno ne abbiamo bisogno
quando meno ce l’aspettiamo
una parte di noi vi affonda dentro
per caso o per sbaglio
e l’amore risale attraverso
le nostre vene
e si aggrappa all’interno delle camere del cuore.
(Julia Copus)

 

 :