Archivi

* Primavera* & “Fa che ti basti che cominci il giorno”🌻🌞

Risultati immagini per Equinozio di primavera

✿⊱╮

Sei finalmente arrivata
cara Primavera
festosa carezza per gli occhi
e per il cuore.
Una piccola pianta
sul balcone
risplende nel sole
piena di allegre gemme
intensamente profumate.
Canti incessanti
di uccellini
allietano i rami fioriti
ricchi di nuovi nidi.
Un venticello
dolce e tiepido
mi accarezza la pelle
ma anche il cuore.
Rinascerò forse anch’io.
Proverò a guardare indietro
senza troppi rimpianti
non so ancora
se ce la farò
ma ci proverò.
Farò palpitare
nuovamente il cuore? 
Mi commuove già l’idea
mentre fioriscono
nell’anima
dolci corolle di speranza.

© Antonella P. Di Salvo 2010

( Tutti i diritti riservati)

✿⊱╮

 

 

Primo giorno di primavera 2018

✿⊱╮

Primavera il 20 o il 21 marzo? Sin da bambini ci hanno insegnato che la primavera, quella astronomica, inizia il 21 marzo, ma da ieri ci siamo accorti che in effetti non è sempre così. Alle 17.15 di martedì 20 marzo 2018 è infatti scattata la primavera, un paio d’ore prima la canonica data. Ma perché? Il tutto è legato all’equinozio di primavera, ovvero il momento in cui il Sole si trova allo zenit dell’equatore della Terra, cioè esattamente sopra la testa di un ipotetico osservatore che si trovi in un punto specifico sulla linea dell’equatore (più o meno in mezzo all’Oceano pacifico). L’immagini del satellite si nota infatti come il giorno e la notte dividono esattamente la nostra Terra parallelamente ai meridiani: “equinozio” deriva dal latino “aequinoctium”, composto da “aequus”, cioè “uguale” e “nox”, “notte”. Va precisato che l’equinozio non è da intendere come un giorno intero ma bensì l’istante preciso in cui si verifica il fenomeno astronomico, il momento esatto in cui termina l’inverno e inizia la primavera. Se sbirciamo il calendario ci accorgiamo che fino all’anno 2102, cioè per i prossimi 84 anni, l’equinozio di primavera non sarà il 21 marzo, ma il 20 o, qualche volta, il 19 (come il caso del 2044, prima volta in assoluto per questa data).

 

Immagine dal satellite del 20/03/2018

Immagine dal satellite del 20/03/2018

Ma perché anticipa? La questione è legata al nostro calendario, quello gregoriano, che seppur accurato non rappresenta in modo accurato l’anno siderale, ovvero il tempo che la Terra effettivamente impiega per compiere un’orbita attorno al Sole. Esso infatti ci impiega 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi a fronte dei “soli” dei 365 giorni del calendario. Per mantenere sincronizzate le due misure ed evitare lo slittamento delle stagioni, è stato introdotto il sistema degli anni bisestili, che prevede l’aggiunta di un giorno alla fine di febbraio (in generale) in tutti gli anni non secolari (che non segnano il passaggio di secolo) divisibili per 4. Il meccanismo prevedeva però che anche l’anno 2000 fosse bisestile e nonostante tutti questa serie di aggiustamenti l’equinozio sta graduale slittamento all’indietro rispetto a quanto succedeva nei secoli passati.

https://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/ma-perch–la-primavera-inizia-il-20-e-non-il-21-marzo—184736

 

fiori18.gif - Fiori glitter grafica immagini piante bouqet,gif,mazzi,composizioni  animate-Flowers plants glitter graphics images animated gifs Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:            Fiori

“Non aspettare che ci sia sereno o cada una tiepida pioggia
o l’orchestra dei fiori incominci a suonare
o i già muti pesci tacciano ancor di più.
Fa che ti basti che cominci il giorno
e che sia fatto chiaro come pagina bianca
voltata dopo la nera.
Allora tieni la faccia più alta che si può e tenta
perché tentar non nuoce…”


(Pablo Neruda)

 

The special One by Amanda  Cass

 

A volte nelle notti inquiete

scavo fiduciosa nel silenzio

per non perdere il ricordo

dei gabbiani che stridono

– schiantandosi a morte

tra gli scogli neri ed aguzzi –

poiché anche dal dolore

può sbocciare un fiore

intensamente profumato.

© Antonella P. Di Salvo

 

Annunci

~♥~ Sul fertile viale dei ricordi ~♥~

 

 Al tramonto 

i tuoi carezzevoli occhi

– mandorle dorate

che sanno fendere il silenzio –

mi guideranno trepidanti

sul fertile viale dei ricordi.

 Le tue dita

sfiorando le mie delicate ali   

di vibrante farfalla

anticipando l’oblio

di lacrime, rimpianti e rancori

si poseranno poi senza indugio

sulle palpebre

sul viso e sulle labbra

lasciandovi il persistente profumo 

di un palpabile sentimento

che ai dolenti

petali dell’anima

farà dono di conforto e vigore

con la dissetante rugiada

di emozioni ancora vivide.

Ogni tua parola

pura come schiuma marina

riuscirà a rubare

stelle alla notte

per farne cascate

di collane luminose

da offrire

alle nostre mani intrecciate.

Ed il tuo cuore

ancora una volta

accarezzerà il mio

con incontenibile dolcezza

facendovi germogliare

 bionde spighe

di riconoscente speranza.

© Antonella P. Di Salvo

( Tutti i diritti riservati)

Innamorati di una persona che ama la tua libertà, la tua indipendenza e che rispetti le tue scelte. Ma che ogni tanto ti faccia una sfuriata di gelosia, perché in fondo tu sei il suo mondo.
Innamorati di una persona che abbia il miglior odore dell’universo, quello che riconosceresti ovunque, quello unico che solo tu puoi apprezzare. Quell’odore tanto simile alle tue emozioni.
E, alla fine, innamorati di quell’unica anima che potrai mai amare con tutto te stesso. Non accontentarti di un amore mediocre, di un amore che non è amore. Innamorati perché non ne puoi fare a meno, non perché non vuoi stare solo.

(S. Leonoir)

 

Hyocheon Jeong, straordinaria artista sudcoreana, sta conquistando il cuore degli utenti di Instagram attraverso incantevoli illustrazioni che descrivono alcuni momenti intimi della vita di una coppia.

Risultati immagini per aforismi innamorati

 

Che l’amore è tutto,
è tutto ciò che sappiamo sull’amore.
E può bastare che il suo peso sia
Uguale al solco che lascia nel cuore.
(Emily Dickinson)

 

L’amore guarda non con gli occhi ma con l’anima.
(Sogno di una notte di mezza estate)

William Shakespeare

* Sempre più lontano *

visions_neu_35x35

✿ܓ

Pura essenza d’amore
etereo angelo
delle mie solitarie notti
cerco il tuo sorriso
– irraggiungibile chimera –
nel tiepido e dolce
sussurro del vento
tra le foglie
che risveglia
le palpitanti emozioni
della mia anima
e la sua
malinconica verità.
Sei musica
delicata e preziosa
essenza profonda
fragranza intensa
di gelsomino
e carezza di rosa gentile.
Sei passione struggente
di un respiro
sempre più lontano
ma che ancora
si insinua
tra sogno e realtà.

© Antonella P. Di Salvo
( Tutti i diritti riservati )

 

Foto

 

 

L’amore è l’ala che Dio ha dato all’anima per salire sino a lui.

Michelangelo Buonarroti

* Amore & Musica…

 :

* LA MUSICA DELL’ANIMA *

Talvolta al tramonto
taciti spettatori la luna
ed il suo grande corteo di stelle
un vortice di musica
ora intensa, or’altra delicata
mi risuona, insistente melodia
nelle orecchie.
E’ la musica dell’anima
che avvinghia le mie emozioni
senza alcun riguardo
interrompendo il pacato silenzio
dell’aria notturna
e scuotendo, col dito sulle labbra
i miei sensi ed i miei tanti ricordi.
Nel concerto dell’anima
canta il cuore pensieri d’amore
urla la mente delusioni e rimpianti
anela il corpo carezze senza più ritorno.
Alla musica dell’anima
languida sirena, la cui bocca profuma
di mare e di illusioni
dolcemente mi arrendo
e mi sorride l’infinito
verso il quale corro a perdifiato
cantando.
© Antonella P. Di Salvo

 

Violin Girl by Imantas Boiko on 500px:

L’Amore non fa rumore:
vibra ad un canto impercettibile
per le orecchie,
suona la musica dell’anima.

L’Amore si nutre:
con sguardi,
con silenzi,
con piccole carezze.

L’Amore si ripara:
dall’invidia,
dalla ferocia,
dall’indifferenza.

L’Amore non ha fretta:
vive nell’umido tepore
dell’attesa,
della presenza.

(Vincent Navire)

 

Le carezze sono appropriazione del corpo dell’altro. Quindi, non è un semplice sfiorare: ma un foggiare. Carezzare con gli occhi o desiderare è la stessa cosa; il desiderio si esprime con la carezza come il pensiero col linguaggio.  J. P. Sartre, L’essere e il nulla:

Noi non cediamo all’amore:
è l’amore che sale in noi
come certa musica,
una sinfonia o una ballata
ed è color seppia
come il tè versato che risale lento
attraverso i mille tunnel perfetti
di una zolletta di zucchero
posata accanto alla tazza.
Sì, l’amore è così:
proprio quando meno ne abbiamo bisogno
quando meno ce l’aspettiamo
una parte di noi vi affonda dentro
per caso o per sbaglio
e l’amore risale attraverso
le nostre vene
e si aggrappa all’interno delle camere del cuore.
(Julia Copus)

 

“Festa della Mamma” 2017

Passion Wind's.,,,Chiara Anna..Lei era come la nottte  ..sapeva guadarare il mondo con occhi diversi ..sapeva portare luce e sogni ad ogni ..fumo di colore:

Nell’intimità del silenzio

sfilano emozioni senza tempo

proprio lì, dove più fitti

si fanno i ricordi.

Ferite antiche e recenti

restano aperte

ma il vostro tenero sorriso

scintillando da

gelosamente custodite

foto in bianco e nero o a colori

spesso illumina le mie notti.

Dolce Mamma

non  ho visto la luce della vita

spegnersi nei tuoi occhi

né ho consolatoria memoria

dei tuoi baci e carezze…

e subito umidi si fanno

gli occhi miei.

Amata “zietta”

vanamente ho cercato

di fermare il tempo

prendendomi cura

del tuo corpo sofferente

provando a stregare

gli anni avanzati

con la tenerezza

del mio amore.

Ma oltre le illusioni

i sogni, le nostalgie

e i rimpianti del non vissuto

oltre le ferite aperte del cuore

più vivo che mai pulsa

il poetico ricordo

di un reciproco amore

che mai avrà fine!

© Antonella P. Di Salvo

 

 

La mamma tiene il suo bambino per mano

solo per un breve periodo, ma il suo cuore

l’accompagna tutta la vita.
(Anonimo)

 

Fotoğraf:

Vegliate su di me, adorate Mamme, e su tutti gli altri cari

dal “bel paradiso”…come cantava De André…

dove vi sarete certamente riunite.

Mamme, fra loro sorelle

la cui bontà e bellezza

del viso e dell’anima

resterà indelebile nel mio cuore.

 

20170226_205807

 

Ti voglio bene

sempre rimpianta

e dolcissima  Mamma!

1454261835613

 

Carissima”zietta”, grazie per avermi donato

il tuo incondizionato amore

per avermi fatto comprendere

cosa vuol dire essere amati maternamente.

Ti voglio bene! 

1454263202775

 

Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore,

ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.

(Pier Paolo Pasolini,”Supplica a Mia Madre”)

 

04032-ilmegliodite

* SEMPRE *

392796-1366x768-[DesktopNexus.com]

Se devi amarmi, per null’altro sia
se non che per amore; non dire mai:
“L’amo per il sorriso, per lo sguardo,
la gentilezza del parlare, il modo
di pensare conforme al mio,
che mi rese sereno un giorno”. Queste
son tutte cose che posson mutare,
Amato, in sé o per te, e un amore
così sorto potrebbe poi morire.
E non amarmi per pietà di lacrime
che bagnino il mio volto. Può scordare
il pianto chi ebbe a lungo il tuo conforto,
e perderti. Soltanto per amore
amami – e sempre, per l’eternità.

-Elizabeth Barrett Browning-

 

Le carezze sono appropriazione del corpo dell’altro. Quindi, non è un semplice sfiorare: ma un foggiare. Carezzare con gli occhi o desiderare è la stessa cosa; il desiderio si esprime con la carezza come il pensiero col linguaggio.  J. P. Sartre, L’essere e il nulla:

Sempre

è riconciliata poesia d’amore

che tenace cresce

su sofferenti zolle

di perduranti delusioni

nutrendosi

del pianto zampillante

di pure emozioni

del passato.

E’ voce silente

di rose sfiorite

dal persistente profumo

ed alba di speranza

che risveglia

racconti senza tempo

del cuore.

Sempre

è avvenire lontano

che diventa presente

angelico rimbombare dell’anima

e gemente sospiro corporeo.

E’ addio rinnegato

ed intrepido volo

tra freddi cristalli di ghiaccio.

Sempre

è amare l’inquietudine

del dubbio

sorridendo dolcemente

all’esile mano

che accarezza

ricordi mai sopiti.

E’ baciare il volto

imperscrutabile

e dal fascino pungente

dell’eternità.

© Antonella  P. Di Salvo

Natalia Vodianova - Nessa the Dancer

Finché, sulle tortuose strade della vita, si viaggerà almeno in due, ecco che gioie, delusioni, rimpianti, ricordi e dolori saranno vissuti non in vuota e cupa solitudine, una solitudine priva di “colori”, ma emotivamente condivisi, pertanto più di una volta, soprattutto quando si tratta di dolori, sarà più leggero il “peso” che, in quanto umani, a vicende alterne porteremo, più o meno faticosamente, sino alla fine della  nostra “strada terrena”, non si sa quanto lunga ma certamente da percorrere giorno per giorno con intensità e soprattutto non in sterile solitudine.

Antonella

Mani Fanciulle & Ricordo…

Mani Fanciulle

Fredda è la vita

di chi rassegnato

la porta

al ricordo non apre.

– Alberto Lanzetta –

 

 Con le porte del cuore spalancate

al tuo immutato “Ricordo”… adorato papà!

* Mani Fanciulle *

Il tuo sorriso buono
mi inseguiva nei sogni

mentre la vita
precipitava lentamente

nel buio
del riposo notturno.

Mani fanciulle
si stringevano a mani adulte

in un muto linguaggio di tenerezza
e profumo di fiori di campo
accompagnava
i nostri passi, lenti e cadenzati

lungo le vie assolate
del giorno estivo.

Camminavamo senza parlare
ma i nostri occhi
si raccontavano speranza.

Correvamo col cuore
nei verdi prati del futuro

e nelle notti stellate
restavamo a lungo
a guardare
con occhi luccicanti
la stella più bella.

Te ne andasti all’improvviso
lasciando per sempre
la mia mano fanciulla
un crudele destino sconfinò
sulla grigia nuvola del mio
silenzio.

©  Antonella P. Di Salvo

 

*Ricordo*

Ricordo spesso
gli anni dal cuore puro
le mie piccole mani 
strette fra le tue
ed i colori del cielo, del mare
della terra grassa e scura.
Intenso era il profumo dei pini 
degli arbusti, dei frutteti
della tua anima stanca 
di vento e di solitudine
che con instancabile dolcezza 
consolava la mia. 
Nei mesi estivi
cantava ogni mattina

un solitario passero 
vicino la nostra finestra 
e dai sentieri assolati
scendevano ridendo 
i raccoglitori di ginestra.
Ricordo i miei occhi 
che all’alba fiduciosi 
si specchiavano nell’azzurro 
e la sinfonia della notte 
che sussurrava alle stelle
sogni e desideri, miei e tuoi.
Ricordo parole 
sofferenti di vuoti
e di laceranti mancanze
ed i miei riccioli ribelli 
scompigliati dal vento.
Ricordo
la tua dolorosa
assenza.

© Antonella P. Di Salvo