Archivi

Dolce & Gabbana a Palermo e Monreale

Capizzi: “La città saprà accogliere di certo gli ospiti prestigiosi”.

MONREALE, 28 giugno – Fervono i preparativi in città, in vista del prestigioso evento che si terrà il prossimo 8 luglio, quando piazza Guglielmo accoglierà i 400 prestigiosi ospiti, provenienti da tutto il mondo, per partecipare all’evento organizzato da Dolce e Gabbana.

L’organizzazione dice che dal 2 all’11 luglio saranno chiuse al traffico piazza Vittorio Emanuele e piazza Gugliemo per consentire l’allestimento della scenografia. Sarà garantito l’accesso pedonale a tutti i monumenti e agli uffici postali. Il giorno dell’evento (8 luglio) dalle ore 16 sarà chiusa al traffico la via Benedetto D’Acquisto.
Per il sindaco Piero Capizzi:”l’evento storico di alto prestigio consentirà di promuovere il nome della città di Monreale nel mondo, prova dell’affidabilità internazionale che siamo stati capaci di trasmettere. Abbiamo lavorato intensamente per far sì che la nostra città fosse scelta come location dell’evento, che, seppur riservato, consentirà di ospitare personalità provenienti da tutto il mondo e di mostrare le nostre bellezze proiettandole a livello internazionale, dimostrando la nostra capacità di accogliere eventi di così alto profilo.
I disagi, nella spiegazione del sindaco – saranno ridotti al minimo, grazie all’impegno e alla professionalità del personale comunale, dal comandante dei Vigili Urbani Lugi Marulli,  all’architetto Riccardo Cangemi e grazie al lavoro svolto in sinergia con il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Monreale, capitano Guido Volpe”.
“Un evento – continua il Capizzi – per il quale ringrazio personalmente l’arcivescovo di Monreale, Monsignor Michele Pennisi, e la sovrintendente ai Beni Culturali, Maria Elena Volpes, che hanno aderito al progetto che vede i monumenti più importanti della città presentati insieme ad un pubblico internazionale.
La presenza di testate giornalistiche provenienti da tutto il mondo – conclude il primo cittadino – ci darà la possibilità di mostrare il nostro prezioso patrimonio artistico come mai prima avvenuto. Sono certo che la città risponderà accogliendo al meglio i 400 prestigiosi ospiti”.

I modelli scenderanno dal balcone principale del complesso Guglielmo arrivando fino in piazza

MONREALE, 30 giugno – Sarà su una grande passerella “volante”, che partirà dal balcone principale dell’edificio del complesso “Guglielmo” ed arriverà fino in piazza, che sfileranno i modelli di Dolce e Gabbana nell’evento di sabato prossimo, 8 luglio.

L’indiscrezione, filtrata in questi giorni, sembra trovare conferma tra gli organizzatori. Nei prossimi giorni, quindi, arriverà la squadra di operai che procederà al montaggio. Frattanto, tra le indiscrezioni che vogliono l’arrivo di alcuni importanti personaggi-vip del mondo della musica e del cinema, la notizia certa è che saranno più di 400 gli ospiti di Dolce e Gabbana per un evento al quale sono già più di 50 le testate giornalistiche accreditate da tutto il mondo.
“Sarà certamente un momento molto importante per la nostra città – afferma il sindaco Piero Capizzi – che certamente contribuirà a dare una ancora più grande visibilità a Monreale e ai suoi monumenti”.

Dolce e Gabbana, l’evento di Monreale diventerà un film-documentario: lo curerà Peppuccio Tornatore

MONREALE, 3 luglio – La grande kermesse siciliana di Dolce e Gabbana, che avrà come teatro gli splendidi monumenti Unesco, e che a Monreale avrà in sabato prossimo 8 luglio il suo giorno clou, diventerà pure un film-documentario e porterà una firma d’eccezione: quella del premio Oscar, Peppuccio Tornatore.

Oggi pomeriggio, mentre piazza Guglielmo e piazza Vittorio erano un vero e proprio cantiere, il regista è arrivato a Monreale, assieme al suo staff, per un sopralluogo, soffermandosi con il sindaco Piero Capizzi.
Frattanto, a partire dalla serata di ieri, le piazze sono state invase dai tir e dai container del materiale che servirà per l’imponente scenografia che sta per essere montata e che renderà tutta l’area attorno al duomo un grandissimo set cinematografico.
Già montate le strutture, anche sulla cattedrale, sulle quali saranno agganciati gli enormi proiettori di luce che illumineranno a giorno piazza Guglielmo la sera della sfilata. Infine è già stata smontata (ma ovviamente sarà rimontata) la ringhiera del balcone principale del complesso Guglielmo dal quale usciranno i modelli per imboccare l’enorme passerella che arriverà fino a terra.

https://www.monrealenews.it/cronaca-monreale/cronaca-varia/18676-dolce-e-gabbana,-l%E2%80%99evento-di-monreale-diventer%C3%A0-un-film-documentario-lo-curer%C3%A0-peppuccio-tornatore.html

Monreale, 3 luglio 2017 – Un ospite d’eccezione è giunto questo pomeriggio a Monreale intorno alle 18.30. E’ il celeberrimo regista e produttore cinematografico Giuseppe Tornatore. Il regista bagherese è giunto a Monreale in tardo pomeriggio ed ha visitato Piazza Guglielmo e la Villa Comunale.

Tornatore è solo il primo dei numerosi vip che si recheranno a Monreale in questi giorni, in occasione dell’evento “Alta Sartoria” degli stilisti Dolce e Gabbana. Tra i vip molto probabile sarà la presenza di Robert De Niro, Madonna, Brad Pitt e, ultima indiscrezione George Clooney.

In molti si sono chiesto cosa fosse venuto a fare Giuseppe Tornatore a Monreale. È venuto per girare uno spot del marchio degli stilisti Dolce&Gabbana? Oppure per scegliere una nuova location di un film? O magari a lui sono state affidate le riprese dell’evento del prossimo 8 luglio a Monreale? Quest’ultima la tesi più accreditata.

Intanto a Monreale fervono i preparativi e la squadra della produzione è già al lavoro da questa notte per montare la scenografia del grande evento internazionale.

https://www.filodirettomonreale.it/2017/07/03/giuseppe-tornatore-monreale-dolce-gabbana-le-foto/

 

Monreale, 5 luglio 2017 – Non ci sarà né Brad Pitt, né Robert De Niro e nemmeno la cantante Madonna durante gli eventi di Dolce & Gabbana che si svolgeranno in questo fine settimana a Palermo e Monreale. I fans si devono rassegnare, non sono loro i vip in arrivo tra i 450 invitati selezionati dai due stilisti.

I vip saranno altri e stanno già arrivando a Marina di Villa Igiea a bordo di yacht super lussuosi che andranno a fare compagnia all’imbarcazione lunga 50 metri di Stefano Gabbana, dove c’è anche Domenico Dolce. Il Regina d’Italia è già ormeggiato da 4 giorni. Presente al molo anche uno yacht lungo 50 metri, con il solo equipaggio a bordo, e un altro di 60 metri, l’Astrid Conroy. La notte scorse è giunto un panfilo di 90 metri ma il nome del proprietario è ancora top secret.

Dal 5 al 10 luglio, in occasione degli eventi “Alte Artigianalità” di Palermo, Dolce&Gabbana apre una speciale pop up boutique e una Terrazza Martini situate entrambe presso la famosa Tonnara Florio di Palermo.

La boutique ospiterà le collezioni Donna e Uomo abbigliamento e accessori, gioielli, orologi e la linea Bambino. L’universo della Donna comprenderà capi speciali color oro, bluse e abiti ricamati in pizzo bianco a ricordare i corredi tipici siciliani, o a rete con patch di fiori rosa acceso e frutti del Mediterraneo; non possono mancare vestiti con stampe vivaci e dal sapore estivo: dominano le righe, i fiori, e stampe cartoline con immagini di monumenti storici di Palermo, il tutto declinato su tessuti leggeri come il cotone, il lino, il popeline e lo chiffon. A completare l’ampia offerta i caratteristici pon pon applicati che richiamano il tanto amato carretto siciliano. La collezione Uomo offre camicie dal sapore estivo, shirt pigiama in seta abbinate a pantaloni leggeri su cui sono risaltano la stampa cartoline e i tanto amati pupi siciliani.

Una pittrice sarà presente tutti i giorni in boutique per dipingere decorazioni floreali o frasi speciali sulle Sicily bag dei clienti che lo desiderano.

Collezione borse Dolce e Gabbana Primavera Estate 2016

https://www.filodirettomonreale.it/2017/07/05/dg-monreale-niente-brad-pitt-madonna-de-niro-palermo-pop-boutique/

 

Ieri partiti i lavori con la motozappa. La posa dell’erba alla vigilia della sfilata

MONREALE, 1 luglio – Saranno ricoperte da un prato inglese le quattro aiuole di piazza Vittorio Emanuele e quella centrale di piazza Guglielmo, in occasione della sfilata di Dolce e Gabbana che si terrà sabato prossimo, 8 luglio.

Il particolare rientra pure negli accordi tra il Comune e l’organizzazione dell’evento che ha voluto che le aiuole venissero ricoperte da uno strato di erba soffice per migliorare le condizioni estetiche dell’area.
Da ieri al lavoro è la ditta Grimaudo, che si è aggiudicata l’appalto per la cura del verde pubblico nella zona del centro storico, che farà da teatro alla grande manifestazione internazionale per la quale si attendono numerose personalità del mondo della musica e del cinema.
I giardinieri, come mostra la nostra foto, sono entrati all’interno delle aiuole con una motozappa, per muovere la terra che da tempo non veniva curata. Successivamente le stesse verranno rese uniformi con i rastrelli, quindi, dopo una preventiva annaffiata, sarà possibile stendere il tappeto di erba, fatto di rettangoli verdi da un metro per 50 centimetri, che daranno alle aiuole un aspetto di verde compatto.
Le aiuole, quindi, si presenteranno in gran forma in occasione della sfilata. Semmai la sfida da vincere sarà un’altra: quanto resisteranno alle “visite” dei cani randagi della piazza, ma soprattutto allo scarso senso civico di qualcuno?

 

 

PALERMO. Il marchio Dolce & Gabbana, protagonista in città in questi giorni, celebra Palermo con un video che mostra le bellezze più rappresentative della città.

Un giro per i monumenti e le chiese, da quella di San Domenico fino al mare di Mondello, in cui la città appare in una veste inedita.

Palermo in questi giorni sta ospitando “Alte Artigianalità” di Dolce & Gabbana appunto, facendo così da passerella alle modelle più apprezzate del panorama mondiale della moda e ospiterà qualcosa come 450 tra vip e star di Hollywood e 50 giornalisti internazionali.

Un evento unico, blindato e che apporterà delle significative modifiche alla viabilità.

© Riproduzione riservata

http://palermo.gds.it/2017/07/05/evento-a-palermo-il-video-di-dolce-gabbana-che-celebra-la-citta_691248/

https://www.instagram.com/explore/tags/dglovespalermo/

Mondello cuore Stefano Gabbana-2

 

http://livesicilia.it/2017/07/04/dolce-gabbana-sullo-yacht-tutto-pronto-per-levento_869324/

http://palermo.gds.it/2017/07/05/evento-a-palermo-il-video-di-dolce-gabbana-che-celebra-la-citta_691248/

http://www.palermotoday.it/video/dolce-gabbana-sfilata-monreale-.html

Fra i cittadini monrealesi non mancano i buontemponi 🙂

*I mosaici di Dolce & Gabbana*

Colate d’oro, pietre rosso sangue, corone, pizzi e tanto lusso hanno contraddistinto la sfilata della collezione autunno inverno 2013-2014 di Dolce e Gabbana. Ispiratisi ai mosaici del Duomo di Monreale, in provincia di Palermo, gli stilisti hanno dato vita a regine e principesse bizantine, ricoperte di oro e gioielli.

3232

E’ un vero  trionfo di accessori, orecchini e collane con pendenti a forma di croce, scarpe uniche con zeppe intarsiate di mosaici preziosi.

dolce-and-gabbana-fw-2014-women-fashion-show-backstage-21

 

https://afashionpoetry.wordpress.com/2013/02/28/i-mosaici-di-dolce-gabbana/

*Da casa mia, che si affaccia proprio in Piazza Guglielmo, luogo in cui si svolgerà la sfilata, non sto perdendo proprio nulla di questo evento, nemmeno il duro lavoro, dalla mattina presto a notte fonda, di chi sta montando il set: le passerelle e le scale per la sfilata, nonché pedane, luci etc. etc.  Sarà indubbiamente un evento indimenticabile per palermitani e monrealesi.

Tra i fastidi dell’evento: una vera e propria rivoluzione nel traffico del centro storico, nonché per noi residenti l’obbligo di andare in giro, il giorno della  sfilata, cioè sabato 8 luglio, con appositi braccialetti poiché l’evento sarà solo per gli ospiti famosi dei due silisti e per i giornalisti accreditati,  eccezion fatta, ovviamente, per noi residenti.

Antonella

 

I meravigliosi Mosaici cui si sono ispirati i due stilisti

per una delle loro collezioni si trovano nel Duomo di Monreale

anche detto “Il Tempio D’oro”…

 

 

 

 

#DGLovesMonreale ❤️❤️❤️❤️❤️❤️🎇✨👑🍊🍋

A post shared by stefanogabbana (@stefanogabbana) on

More masculine robes or suits with a bit of glamour from Dolce & Gabbana's High fashion

A post shared by Suzy Menkes (@suzymenkesvogue) on

 

Dolce e Gabbana, la sfilata in piazza Guglielmo è un grande successo

MONREALE, 9 luglio – È durata 28 minuti, ma sono stati 28 minuti intensi, fatti di colori, di suoni, di un panorama suggestivo e straordinario. Una mezzora scarsa durante la quale Monreale ha sognato, ma che le ha fatto vivere una realtà ben diversa da quella cui solitamente è abituata. Questo e molto altro durante la sfilata di Alta Sartoria maschile di Dolce e Gabbana, un evento che entra a buon diritto nella storia di questa città.

L’attesa era febbrile e sull’happening si era fantasticato tanto, ipotizzando di tutto, compreso l’arrivo di personaggi megagalattici del mondo dello spettacolo, che invece non sono venuti, per il disappunto di chi era a caccia di un autografo o di un selfie, ma che, come in genere gli assenti, hanno avuto torto, perché l’evento di ieri sera meritava senz’altro di essere visto di presenza.
In un’atmosfera quasi surreale, i modelli dei noti stilisti italiani si sono succeduti sulla passerella che partiva dal balcone principale del complesso Guglielmo e che si snodava attorno all’aiuola centrale di piazza Guglielmo, sfoggiando i colori vivaci e i toni forti di Dolce e Gabbana, mai banali, mai scontati.
Alla fine, quando l’ultimo ragazzo ha sfoggiato la sua “mise”, un lungo e fragoroso applauso ha avvolto la piazza, che per una sera ha rivaleggiato, senza sfigurare, con quelle ben più note del gotha della moda internazionale, sotto un duomo bello come sempre e illuminato come di rado.
Alla sfilata ha fatto seguito la mega festa all’interno del Chiostro, che ha accolto gli oltre 400 ospiti di Dolce e Gabbana, tra portate prelibate scelte dal noto chef Natale Giunta, musiche di vario genere, in una location difficilmente eguagliabile in termini di arte e bellezza.
Da oggi, come già detto in precedenza, Monreale tornerà alla vita ed ai suoi problemi di sempre. Sull’evento di ieri sera si continuerà a discutere: non mancheranno le polemiche, così come gli elogi e le approvazioni. Per una sera, però, la città ha respirato un’aria diversa. Per una sera Roma, Parigi o New York non sono sembrate poi così lontane.

0011

 

0010

 

0009

 

0007

#DGLovesMonreale ❤️❤️❤️❤️❤️❤️ #sicilyismylove #lamoreèbellezza

A post shared by stefanogabbana (@stefanogabbana) on

 

0025

0005

 

0027

 

0047

 

0026

0066

0078

 

0068

https://www.filodirettomonreale.it/2017/07/09/dolcegabbana-pubblicano-video-monreale-citta-unica/

0063

Annunci

* Mie piccole emozioni poetiche*

 

*Sino al nucleo del cuore*

Distesa sul verde campo della speranza

aspetto, con occhi puri

il sorgere di un nuovo sole

che possa arrivare con il suo calore

sino al nucleo del mio cuore.

© Antonella P. Di Salvo

 

 

Non si può eternamente sfuggire a se stessi, ai propri ricordi e alle proprie paure, non si può eternamente restare chiusi in una corazza protettiva che anche se ci isola, in parte, dal dolore, nel contempo ci isola dalle emozioni più belle e vitali… e quale emozione più bella dell’amore?! L’amore ha il grande potere di riportare alla vita, alla vera vita, insieme alle proprie emozioni!

Antonella

 

 

*Come una piccola preghiera*

Una sfolgorante stella d’argento
si cela, irrequieta e silenziosa
dietro la bianca luna.
Avida più che mai di felicità
corteggia la notte
che tace, insieme al suo lieve dolore.
Il vento ancora geme
dietro giorni e notti
che strizzano il cuore
ed io sospirando vuoti
mi arrendo ad un volo spesso solitario
che è come una piccola preghiera.
© Antonella P. Di Salvo

( Tutti i diritti riservati )

 

~Blue Angel~

 

 

 

 

 

* SEMPRE *

392796-1366x768-[DesktopNexus.com]

Se devi amarmi, per null’altro sia
se non che per amore; non dire mai:
“L’amo per il sorriso, per lo sguardo,
la gentilezza del parlare, il modo
di pensare conforme al mio,
che mi rese sereno un giorno”. Queste
son tutte cose che posson mutare,
Amato, in sé o per te, e un amore
così sorto potrebbe poi morire.
E non amarmi per pietà di lacrime
che bagnino il mio volto. Può scordare
il pianto chi ebbe a lungo il tuo conforto,
e perderti. Soltanto per amore
amami – e sempre, per l’eternità.

-Elizabeth Barrett Browning-

 

Le carezze sono appropriazione del corpo dell’altro. Quindi, non è un semplice sfiorare: ma un foggiare. Carezzare con gli occhi o desiderare è la stessa cosa; il desiderio si esprime con la carezza come il pensiero col linguaggio.  J. P. Sartre, L’essere e il nulla:

Sempre

è riconciliata poesia d’amore

che tenace cresce

su sofferenti zolle

di perduranti delusioni

nutrendosi

del pianto zampillante

di pure emozioni

del passato.

E’ voce silente

di rose sfiorite

dal persistente profumo

ed alba di speranza

che risveglia

racconti senza tempo

del cuore.

Sempre

è avvenire lontano

che diventa presente

angelico rimbombare dell’anima

e gemente sospiro corporeo.

E’ addio rinnegato

ed intrepido volo

tra freddi cristalli di ghiaccio.

Sempre

è amare l’inquietudine

del dubbio

sorridendo dolcemente

all’esile mano

che accarezza

ricordi mai sopiti.

E’ baciare il volto

imperscrutabile

e dal fascino pungente

dell’eternità.

© Antonella  P. Di Salvo

Natalia Vodianova - Nessa the Dancer

Finché, sulle tortuose strade della vita, si viaggerà almeno in due, ecco che gioie, delusioni, rimpianti, ricordi e dolori saranno vissuti non in vuota e cupa solitudine, una solitudine priva di “colori”, ma emotivamente condivisi, pertanto più di una volta, soprattutto quando si tratta di dolori, sarà più leggero il “peso” che, in quanto umani, a vicende alterne porteremo, più o meno faticosamente, sino alla fine della  nostra “strada terrena”, non si sa quanto lunga ma certamente da percorrere giorno per giorno con intensità e soprattutto non in sterile solitudine.

Antonella

R-Esisto

Il pensiero è consapevolezza di esistere;
il vibrare del cuore è certezza d’amare.

Antonella

Vika Levina portrait black and white photo:

R-esisto, come fiore di campo 

più volte calpestato lungo l’ardua via del dolore…

eppure ancora in grado di ri-sollevare

la sua stropicciata e fragile corolla

dal profumo indelebile

per offrirla fiduciosa e pura

al terso cielo della speranza

all’arioso respiro dell’anima

al vitale pulsare del cuore.

Vivo e ri-vivo ( anche ) di sogni e di ricordi

provando, sebbene con gli occhi feriti

da frequenti cadute, a guardare oltre…

oltre mani e volti per sempre perduti

oltre le mie consuete malinconie al calar della sera

ed il mio difficile vivermi addosso.

Scruto avidamente la mia nuova stagione

“volando” con nuove ali lì… dove ancora balena la luce

e nuovamente sorrido, emanando profumata voglia di

vivere, di tornare a vivere, di continuare a vivere.

© Antonella P. Di Salvo

Con mia figlia, la scorsa estate…

Foto:

Palermo capitale italiana della Cultura 2018: “Città dell’accoglienza e dei diritti”.

Per festeggiare la nomina, il teatro Massimo è stato illuminato con la bandiera tricolore.

Culla di civiltà e arti millenaria, patria di uomini come Don Puglisi e Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ma anche sede del più grande Gay Pride del sud d’Europa. Soprattutto “città dell’accoglienza e dei diritti”. Dopo Mantova per il 2016 e Pistoia per il 2017, sarà Palermo la Capitale italiana della cultura del 2018, annunciata oggi dal ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini al termine dei lavori della giuria presieduta da Stefano Baia Curioni e un rush finale “contro” le concorrenti Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione dei comuni elimo-ericini.

Una vittoria che porta alla città anche un milione di euro per la realizzazione del progetto presentato e l’esclusione delle risorse investite dal vincolo del patto di stabilità. “La nostra cifra culturale più significativa e che rivendichiamo è la cultura dell’accoglienza”, commenta a caldo il sindaco Leoluca Orlando, che per il suo dossier può contare “su 6 milioni e mezzo di budget, più altri 70 che avremmo speso comunque”, ma che più di tutto tiene a raccontare l’anima del progetto vincente.

“Noi – dice – rivendichiamo il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso, ma di essere e restare uguale”. E’ il suo assessore alla cultura, Andrea Cusumano, a illustrare i dettagli di un programma che “avremmo realizzato comunque. Già la settimana prossima – dice – inaugureremo la restaurata Chiesa dei SS. Euno e Giuliano”, che diventerà spazio per mostre e iniziative culturali.

“Verrà potenziata – prosegue – l’edizione 2018 del Festival della letteratura migrante, nato due anni fa con oltre 140 autori del Mediterraneo. E dopo San Pietroburgo e Zurigo, nel 2018 sarà Palermo ad accogliere Manifesta, la più grande Biennale di arte contemporanea migrante, che sarà declinata sui temi dell’accoglienza”. C’è poi il piano di “riqualifica de La Kalsa”, il waterfront della città, “con Francesca e Massimo Valsecchi, tra i più grande collezionisti d’arte d’Europa, che nel 2018 riapriranno il restaurato Palazzo Butera.

E ancora, apre l’ex Convento di S. Francesco, un tempo esattoria dei fratelli Salvo, trasformato in Centro di cultura araba e del Mediterraneo. Il progetto – sottolinea – non riguarda solo il mio assessorato, ma ha costruito un sistema per la città”. I complimenti, sportivamente, arrivano anche dalla grande battuta, Ercolano. “Sono contento che abbia vinto una bellissima città del Sud”, dice il primo cittadino, Ciro Bonajuto.

“La competizione ogni anno diventa più virtuosa – commenta il Ministro Franceschini – perché spinge verso una programmazione complessiva della città. Già essere tra le dieci della short list è una medaglia al petto, un orgoglio come una candidatura all’Oscar. L’esperienza di Mantova, Capitale del 2016, e’ un esempio da guardare e studiare” e anche “Pistoia sicuramente funzionerà. Palermo – prosegue – naturalmente era ed è già una Capitale. Ma questo titolo la valorizza ancora di più” e “il progetto che punta sull’inclusione sociale invia un bel messaggio”.

Per il 2019 niente competizione, perché sarà l’anno di Matera Capitale della cultura europea. “Ricominceremo nel 2020 – conclude Franceschini – e poi il Paese non si fermerà più perché di città, comuni o borghi in grado di essere Capitale ce ne sono veramente infiniti”. © Riproduzione riservata

http://palermo.gds.it/2017/01/31/teatro-massimo-tricolore-per-festeggiare-palermo-capitale-della-cultura-video_623345/#.WJHPPzbkfVk.google_plusone_share

http://palermo.gds.it/2017/01/31/palermo-capitale-della-cultura-2018_623263/

Palermo Capitale della Cultura 2018

Il sovrintendente Giambrone su Palermo Capitale italiana della Cultura 2018: “Ha vinto un’intera comunità inclusiva e accogliente”.

“La scelta è caduta su una città che porta avanti come suo progetto quello di accogliere e di includere, una città in cui tutti si sentano diversi ma uguali. Per questo sono particolarmente contento ed emozionato, per le motivazioni con cui Palermo ha vinto”. Così il sovrintendente del Teatro Massimo, Francesco Giambrone, commenta la nomina di Palermo a Capitale italiana della Cultura 2018. “Non ha vinto un singolo teatro, non ha vinto un singolo museo – aggiunge – ma una comunità, che potrà crescere ulteriormente attraverso questo bel percorso”. Per festeggiare la nomina, il Teatro è illuminato stasera con la bandiera tricolore.

http://www.palermotoday.it/video/palermo-capitale-italiana-cultura-2018.html

Risultati immagini per teatro massimo tricolore

Poesia:”Vita rendimi la Speranza” e…Anniversario

Daniel Gerhartz:

* Vita rendimi la speranza *

Rendimi

la speranza

di un ritorno di rondini

uno sguardo

– non più

perennemente nostalgico

di nenie e balocchi – 

che osservi l’orizzonte

asciugando lacrime

di gioia

ed un sorriso

finalmente sereno

sul volto tanto amato.

Fammi bere

ancora una volta

– e a sazietà –

nella coppa dorata

dell’amore

strappando dai pensieri

– che crepitano

come gialle foglie

accartocciate –

il velenoso orgoglio

di un sentimento invecchiato

accarezzando

con l’anima

la magia ritrovata

delle più sfavillanti

notti stellate

salutando, col cuore

l’inverno

solitamente freddo

ed ostile

e volgendo fiduciosi

gli occhi malinconici

verso la  quiete

di un tiepido

e profumato

giorno primaverile

che giochi fanciullo

coi raggi del sole.

 © Antonella P. Di Salvo 2010

( Tutti i diritti riservati)

Felice anniversario con WordPress.com!

Ti sei registrato su WordPress.com 6 anni fa.

Grazie per averci scelto. Continua così.

anniversary-2x

* L’Accenno di un sorriso *

Black and White Portrait Photography by Daria Pitak:

* L’Accenno di un sorriso *

L’anima appassisce lentamente
nelle ore vuote
mentre il vento, mai sopito
soffia e geme ancora.
Indomito
lotta contro il genere umano
contro le nuove foglie
contro le fulgide ore della vita.
Piccoli fiori, alteri e puri
tentano invano
di schiudersi nel sole
che riesce ad aprirsi un varco
pur tra le nubi.
Di lacrime pieno
il cuore si strugge
e vorrebbe quasi spegnersi
ai sogni e alle speranze.
L’anima, corolla appassita
chiude l’illusione della parola
nel deserto arido del cuore.
L’accenno inaspettato
di un sorriso
nel vento che ancora agita
emozioni e pensieri
è un’alito improvviso
di risorta speranza
una gemma fragile
e profumata
un dono inaspettato
all’anima
intensamente avida d’amore.

© Antonella P. Di Salvo 2009

( Tutti i diritti riservati )

Photography - Art Direction by Mona Van Cleve: